Guida all’acquisto di un sega circolare elettrica: criteri di valutazione e caratteristiche tecniche, prezzi e marche

Prende il nome dalla forma della sua lama, un disco dentato circolare che ruota mentre effettua il taglio, ed è adoperata per il taglio di diversi tipi di materiali, come il legno o il metallo innanzitutto, ma anche la plastica. La sega circolare è la pronta risposta per chi ha la necessità di eseguire tagli precisi, rettilinei o longitudinali, sia per motivazioni strettamente legate al lavoro, che per passione o hobby: ed infatti in base alla frequenza d’uso ed alla tipologia di lavorazione richiesta, il commercio offre ben specifici modelli, differenti tra loro quanto a funzioni, maneggevolezza, e prezzo. Piuttosto difficile, dunque, potrebbe essere muoversi tra le diverse opzioni disponibili, specie per chi non è proprio pratico del settore, ed affidarsi al caso o alla fretta non è per niente una buona soluzione. Ma seguendo le linee-guida fornite in questa trattazione, che evidenzieranno gli aspetti principali da considerare in sede di acquisto, certamente ciascun utente troverà il prodotto più rispondente alle proprie necessità: l’attenzione, nello specifico, si concentrerà sulla sega circolare elettrica, mettendo dunque da parte quella a batteria.

Criteri da seguire per la migliore scelta

Con un motore assai potente, dalla velocità di rotazione compresa – in base allo specifico modello di riferimento – tra 3.000 e 8.000 giri al minuto, la sega circolare elettrica si rivela lo strumento adatto per eseguire tagli netti, precisi, e veloci. E ciò sia in caso di lavori professionali che di fai da te: il mercato mette infatti a disposizione anche modelli “riservati” ai non professionisti, così che ciascun utente possa portare a casa l’apparecchio di cui effettivamente ha bisogno. Qualunque sia la destinazione d’uso, è importante in ogni caso prestare attenzione alle relative norme di sicurezza durante l’uso stesso, data la pericolosità dell’apparecchio in oggetto.

Disponibile in diverse variantida banco, portatile e radiale – la sega circolare elettrica richiede, per un acquisto “giusto” e consapevole, la conoscenza di ben precise caratteristiche tecniche, relative essenzialmente alle proprietà della lama ed alle specifiche di taglio, e alla potenza del motore. Ma rilevanti sono anche la praticità di utilizzo e gli accessori a corredo del dispositivo. Aspetti, tutti, che affrontiamo subito nei paragrafi che seguono, per poi illustrare brevemente le differenti tipologie di dispositivo tra cui poter scegliere, a seconda delle proprie necessità.

Caratteristiche della lama e del taglio

Quando si è in procinto di acquistare una sega circolare elettrica, il primo fattore di cui tener conto è certamente la lama, che fa letteralmente la differenza quanto all’efficacia: la lega metallica ed il numero dei denti che la caratterizzano influiscono infatti sulla tipologia di materiali che essa potrà tagliare e sulla qualità del taglio, netto oppure grossolano.

Diversi sono i tipi di lame e per ogni taglio da effettuarsi ne è prevista una adeguata: generalmente, una sega circolare è dotata di lama in acciaio HSS (High Speed Steel), indicata per tagliare il legno morbido. Non propriamente longeva, presenta però il vantaggio di poter essere affilata tra le pareti domestiche. Altre lame possono essere di precisione, per eseguire le modanature, oppure in carburo di tungsteno, per il taglio del legno più duro, o, ancora, per dare un altro esempio, in diamante, per quello dei materiali utilizzati nell’edilizia.

Come il materiale di costruzione della lama “determina” il tipo di materiale soggetto al taglio, così il numero dei denti incide sulla maggiore o minore precisione del taglio stesso, come poc’anzi anticipato. E maggiore sarà il numero dei denti, maggiormente preciso sarà il taglio. Sul punto, 24 denti saranno indicati per tagliare legni “striati”, e per tagli sgrossati, ma non perfetti, mentre una lama con un numero di denti compreso tra 28 e 40 sarà la scelta da effettuare per un taglio trasversale del legno. Aumentando il numero di denti sino a 80 sarà possibile eseguire tagli di plastica, legno, alluminio e laminato, mentre superando i 100 denti sarà possibile tagliare qualunque tipologia di metallo.

Per quanto concerne invece specificamente la profondità del taglio da eseguire, essa dipende dalla dimensione del diametro della lama. Generalmente i diametri più comuni delle lame sono:

  • 125 mm per tagli di 3 cm
  • 160 mm per tagli di 5,5 cm
  • 185 mm per tagli di 6,5 cm

Ma come può essere il taglio? Il maggior numero degli apparecchi in commercio consente di eseguire tagli inclinati, oltre che perpendicolari, mediante una scala graduata tramite cui si seleziona e si blocca l’inclinazione che più si desidera.

Potenza del motore

Insieme alla lama, la potenza di una sega circolare elettrica è un altro fattore da valutare con attenzione in sede di acquisto, perché determina il “raggio d’azione” disponibile: un motore più potente potrà infatti operare con lame di maggiore diametro, che consentono di eseguire tagli profondi.

Premesso che la sega circolare alimentata da rete elettrica è di solito la più performante – cioè capace di lavorare con materiali più duri del legno, in virtù proprio della maggiore potenza rispetto ad un apparecchio a batteria – l’assorbimento medio del maggior numero di dispositivi sul mercato è di circa 1200 W, ma i migliori modelli possono caratterizzarsi anche per un motore da più di 2000 W.

Da sottolineare anche il numero di giri del motore, che insieme al numero di denti “concorre” alla maggiore precisione del taglio. Generalmente compreso tra i 3000 e gli 8000 al minuto, come anticipato nel corso della trattazione, detto numero dipende in realtà anche dalle dimensioni della lama, in quanto una lama di diametro inferiore – a parità di potenza – effettuerà un numero di giri superiore paragonata ad una più grande.

Praticità d’uso

Soprattutto se si ha intenzione di adoperare la sega circolare elettrica per un tempo considerevole, è bene valutare anche la sua praticità di utilizzo, che si estrinseca innanzitutto nella maneggevolezza, e dunque nella presenza di impugnature ergonomiche e fornite di rivestimento morbido, antiscivolo ed antisudore. Ma anche la semplicità di spostamento può rivelarsi un fattore di interesse per qualche utente, ed al riguardo una valigetta rigida per il trasporto a corredo dell’apparecchio si rivelerà un utile quid plus che farà la differenza.

Completano il quadro relativo alla praticità di utilizzo del dispositivo in esame le dimensioni (ovviamente più contenute in una sega circolare portatile, da un minimo di circa 20 ad un massimo di circa 40 cm) e il peso, il quale, in particolare, dipenderà non solo dalle dimensioni del dispositivo stesso e da quelle della lama, ma anche dal tipo di alimentazione. Un aspetto, quest’ultimo, che non abbiamo considerato nella trattazione in oggetto, essendo essa relativa alla sega circolare elettrica. A livello indicativo, una sega circolare a lama piccola, da 125 mm, è la più leggera – con un peso tra i 2 e i 3 kg – laddove una da 160 e 185 mm può pesare dai 4 ai 6 kg.

Accessori a corredo

Sono importanti in una sega circolare elettrica perché agevolano il lavoro da svolgere adeguandolo alle proprie esigenze. Già integrati nel corpo macchina o in dotazione con l’apparecchio, determinati accessori sono presenti sempre, altri invece si riscontrano solo nei modelli più performanti.

Tra quelli più comuni, citiamo la copertura della lama, essenziale per mantenere in sicurezza lo strumento anche quando non lo si utilizza, e la scarpetta, una slitta metallica tramite cui poter appoggiare la sega circolare sulla superficie da lavoro per cominciare ad eseguire il taglio. Tra gli accessori che caratterizzano invece in genere i dispositivi di fascia medio-alta, segnaliamo i binari e i soffiatrucioli: i primi possono essere fissati sulla superficie da tagliare e consentono di tagliare in modo perfettamente dritto, i secondi sono costituiti da una ventola anteriore che “spazza via” polvere e trucioli dall’area avanti alla lama, per rendere più agevole il taglio.

Tipologie di dispositivi

Prima di concludere la trattazione illustrando le fasce di prezzo di una sega circolare elettrica ed i relativi brand a cui riferirsi per un buon acquisto, illustriamo brevemente le differenze esistenti tra le tipologie di dispositivi in commercio.

  • Sega circolare da banco. Dalla struttura e dalle dimensioni più considerevoli, garantisce tuttavia risultati impeccabili anche a livello professionale, ed infatti è adoperata per i tagli di maggiore impegno e precisione. Si caratterizza per la presenza di un proprio banco da lavoro, come suggerisce il nome stesso.
  • Sega circolare portatile. Più semplice ed economica, nonché di dimensioni inferiori, è per ciò stesso agevolmente spostabile da un luogo all’altro. Di minore efficacia, la si utilizza con spessori più contenuti e per ottenere tagli dritti e lunghi.
  • Sega circolare radiale. Anch’essa con una superficie di lavoro fissa, presenta però un binario sovrastante ove scorre un carrello con all’interno il motore con la lama.

Costi e brand del settore

Quanto costa una sega circolare elettrica? Dipende dalla potenza del motore e dalle caratteristiche tecniche: sulla base di questa considerazione, si possono a livello indicativo individuare tre fasce di prezzo, da quella più bassa (per cifre inferiori a circa 100 Euro), a quella più alta (per importi superiori a circa 250 Euro). E i brand verso cui indirizzare la propria scelta? Bosh, Tacklife, Einhell, Festool sono alcuni suggerimenti in tal senso.

Creativa e fantasiosa, ma anche riflessiva e determinata. Laureata in Giurisprudenza “atipica”, seguo e coltivo i miei sogni e le mie effettive ambizioni, emersi preponderatamente. Appassionata di scrittura e “curiosa” di ogni piccola grande novità tecnologica – così come  degli articoli di utilizzo quotidiano – fornisco agli utenti utili consigli in merito a prodotti che possono semplificare, migliorandola, la vita di tutti i giorni. Per un aiuto in quella che è la scelta più rispondente alle proprie esigenze.

Back to top
menu
Migliore Sega Circolare