Guida all’acquisto di una sega circolare con banchetto: caratteristiche tecniche, taglio, dettagli e prezzi

Largamente adoperata sia dai professionisti del settore che dagli appassionati del fai da te, la sega circolare è disponibile in commercio in diverse tipologie, ciascuna delle quali risulta più o meno indicata per la specifica lavorazione da compiere. La destinazione d’uso dell’apparecchio in oggetto – e dunque i propri bisogni – nonché la frequenza dell’uso stesso, rappresentano infatti il primo passo da compiere quando ci si avvale della sega circolare per il taglio di legno, plastica o metalli. E sarà lo specifico materiale da lavorare – così come il suo spessore – a indirizzare la propria scelta verso un determinato modello al posto di un altro.

Un dispositivo portatile, ad esempio, rappresenta l’opzione da preferire se si ha la necessità di effettuare lavori anche in ambienti esterni, e si è dunque alla ricerca di uno strumento pratico ed agevole da trasportare. Mentre una sega circolare con banchetto sarà l’acquisto da privilegiare in presenza di tagli che richiedono un certo impegno e una certa precisione, pure sul metallo e sul legno dai consistenti spessori. Certo, l’ingombro c’è, ed è dato dal predetto banchetto, ma lo si “supera” alla luce dell’impeccabile esecuzione del lavoro, sia in un ambito prettamente professionale, che in uno hobbistico. Ed è proprio la sega circolare con banchetto l’oggetto di questa trattazione, che analizzerà le sue caratteristiche principali così da veicolare al meglio l’acquisto di ciascun utente.

Come scegliere la migliore sega circolare con banchetto

Non può assolutamente mancare nelle officine di meccanica e di carpenteria, dato il suo utilizzo essenzialmente professionale, ma i diversi modelli offerti dal mercato, dalle diverse fasce di prezzo (anche quelle più accessibili), ne fanno un dispositivo adoperato anche dagli appassionati del fai da te, che svolgono lavori di un certo impegno. La sega circolare con banchetto è uno strumento di grande comodità attraverso cui poter eseguire tagli in linea retta in direzione delle striature del legno, oppure trasversali lungo la venatura del legno stesso, così come tagli angolati. Ed è uno strumento “concepito” per quelle lavorazioni che richiedono tagli precisi e puliti su legno o compensato, tagli dalle diverse tipologie grazie alla possibilità di regolare inclinazione e profondità della lama.

Dalla struttura fissa, la sega circolare con banchetto non può essere separata dal banco lavoro su cui è collocata, cosa che “giustifica” l’ingombro non propriamente ridotto. Da detto banco lavoro fuoriesce la lama circolare, e colui che adopera l’apparecchio deve muovere il materiale da lavorare verso l’apparecchio stesso: ciò fa sì che non ci si affatichi particolarmente, non essendoci la necessità di mantenere o muovere l’attrezzo.

Ma come scegliere il “migliore” dispositivo di questa tipologia? Come agire al riguardo? In realtà, pur essendo i modelli in commercio apparentemente similari per le prestazioni offerte, si differenziano l’uno dall’altro sia per quanto concerne la precisione nel taglio, sia per quanto concerne la qualità dei materiali di realizzazione e di montaggio. Per operare dunque una buona scelta, è necessario stabilire preventivamente la tipologia di applicazioni alla quale sarà destinata la sega circolare con banchetto, e la mole di lavoro da svolgere.

Direzionando così il proprio acquisto verso l’apparecchio più adatto a sé: un utilizzo professionale, infatti, veicolerà l’acquisto stesso verso un ben determinato modello – di costo anche parecchio elevato – laddove invece esigenze hobbistiche potranno far optare per un dispositivo sicuramente più economico. A parte queste considerazioni prettamente “tecniche”, c’è poi da considerare il fattore spazio, dal momento che se si decide di acquistare una sega circolare come quella in oggetto bisognerà mettere in preventivo di avere uno specifico posto in cui collocarla, dato le sue dimensioni non contenute.

Caratteristiche principali

In sede di acquisto di una sega circolare con banchetto sono diversi gli aspetti da valutare. Innanzitutto la potenza, di fondamentale importanza alla luce della diversa durezza e resistenza dei materiali da tagliare: sul punto, premesso che ad una maggiore potenza corrisponderà una maggiore possibilità di azione per il dispositivo, si parla di valori generalmente compresi tra 800 e 2000 W. Il mercato mette a disposizione anche dispositivi di potenza superiore, che risultano tuttavia poco adatti per chi adopera detti dispositivi a livello hobbistico. Di rilievo come la potenza è la lama, la cui precisione nel taglio è superiore laddove è maggiore il numero dei denti; dal diametro di 254 mm circa, essa realizza fori di circa 30 mm. Per quanto concerne invece il numero di giri, le migliori lame effettuano tra i 2000 e i 4000 giri al minuto.

Anche il tavolo, ovviamente, essendo parte integrante della struttura ha il suo ruolo, e, al riguardo, è essenziale che sia solido e fornito di adeguato supporto per qualsiasi tipologia di lavoro: è bene dunque che sia in acciaio inossidabile o in altro materiale ugualmente resistente, così come è bene che sia agevole da montare e da fissare.

Tra gli altri fattori da considerare al momento della propria scelta vanno segnalati anche la praticità d’utilizzo e gli accessori. La prima si sostanzia nelle dimensioni e nel peso del prodotto che si andrà ad acquistare, dimensioni e peso che – ovviamente – si diversificano a seconda del prodotto stesso. A livello indicativo la larghezza della superficie di appoggio è solitamente di circa 60-80 cm, mentre il peso varia tra i 20 e i 30 kg.

Per quanto concerne invece gli accessori, la gamma è ampia: immancabili saranno la protezione della lama da taglio, nonché le aste di spinta o gli arresti, di aiuto, queste ultimi due, nel muovere sul tavolo i materiali da tagliare, ma i migliori modelli sono forniti anche di appositi sistemi di aspirazione, oppure possono prevedere l’utilizzo di piccoli aspiratori esterni. Da sottolineare poi l’importanza di adeguati dispositivi di sicurezza, come, a titolo esemplificativo, la presenza di specifici pulsanti tramite cui disattivare agevolmente ed immediatamente la sega circolare con banchetto.

Conclusioni

Utilizzata essenzialmente per la lavorazione del legno, ma anche per altri materiali, quali i laminati o i metalli, la sega circolare con banchetto si rivela uno strumento di grande versatilità, anche in considerazione dell’ampia offerta di apparecchi disponibile, comprendente pure i modelli più compatti – nonché di costo più conveniente – tanto apprezzati dagli appassionati del fai da te. Modelli che hanno un prezzo orientativamente compreso tra 100 e 450 Euro circa, e che si prestano per un utilizzo occasionale e non intensivo, oppure per i lavori di manutenzione domestica; tra di essi vanno annoverati anche le mini seghe da banco, dall’alto livello di precisione nel taglio, ed indicate per lo più per il modellismo e per i lavori di precisione su pezzi di piccole dimensioni.

Sono invece seghe circolari con banchetto dalle prestazioni professionali quelle di costo maggiore – sino a 1000 Euro circa, o anche di più, in base al singolo prodotto – ed interesse sia dei lavoratori professionisti che degli hobbisti dalle maggiori esigenze. Versatilità d’uso e dei materiali su cui poter lavorare, migliore precisione nel taglio e nell’assemblaggio, nonché possibile presenza di sistemi integrati (come le guide laser), sono infatti le caratteristiche distintive di questi prodotti. Saranno poi ovviamente le specifiche e personali necessità dell’utente a veicolare l’acquisto verso il dispositivo che più fa al caso proprio. Makita, DeWalt, Einhell, Tacklife, Ryobi, sono alcuni brand da suggerire per una buona scelta.

Importante sottolineare, infine, la necessità di “acquisire familiarità” con l’utilizzo e con tutti i comandi dell’apparecchio, prima di cominciare ad adoperarlo, nonché con tutti i dispositivi di sicurezza presenti. Indossare sempre indumenti adeguati e leggere con attenzione le istruzioni dell’azienda produttrice, ed una volta terminato il lavoro, pulire con cura gli spazi inferiori e superiori, sostituendo i dischi quando occorre.

Creativa e fantasiosa, ma anche riflessiva e determinata. Laureata in Giurisprudenza “atipica”, seguo e coltivo i miei sogni e le mie effettive ambizioni, emersi preponderatamente. Appassionata di scrittura e “curiosa” di ogni piccola grande novità tecnologica – così come  degli articoli di utilizzo quotidiano – fornisco agli utenti utili consigli in merito a prodotti che possono semplificare, migliorandola, la vita di tutti i giorni. Per un aiuto in quella che è la scelta più rispondente alle proprie esigenze.

Back to top
menu
Migliore Sega Circolare