Seghe circolari a batteria e potenza: guida ai prodotti più prestanti

La lama dentata metallica circolare di cui è fornito – e da cui prende il nome – rende l’apparecchio in oggetto indispensabile per  eseguire tagli precisi e rapidi di materiali come il legno, il metallo, o la plastica. Ci riferiamo alla sega circolare, strumento adoperato sia dai lavoratori professionisti che dai semplici appassionati, i quali ultimi magari dispongono nel proprio garage di un vero e proprio laboratorio ove eseguire piccoli lavori di manutenzione della casa. In base all’assiduità di utilizzo ed alla tipologia di materiale su cui lavorare, nonché al suo spessore, ci si indirizzerà verso uno specifico modello, di dimensioni e potenza differenti. Il progetto di destinazione è, infatti, la prima scrematura da operare, necessaria per “puntare” da subito sul prodotto effettivamente adeguato al progetto stesso: un taglio impegnativo e definito, a titolo esemplificativo, richiederà una determinata potenza, propria di un dispositivo con cavo, da preferirsi in questo caso ad uno cordless. Bisogna infatti sottolineare la presenza, sul mercato, di seghe circolari alimentate a rete elettrica oppure a batteria, le une o le altre scelte in base alle specifiche e personali esigenze dell’utente. In questa sede ci occuperemo della seconda tipologia, di cui esponiamo le caratteristiche tecniche principali da valutare in sede di acquisto.

Come scegliere la migliore sega circolare a batteria

Alimentata da una batteria inclusa nel corpo macchina, la sega circolare a batteria si rivela la soluzione ideale da prendere in considerazione qualora si desideri mettere al primo posto la praticità e la semplicità d’uso: proprio in virtù dell’assenza del filo, infatti, essa consente all’utente di turno di lavorare ovunque, senza la necessità di trovarsi nei pressi di una presa elettrica. Grande comodità, dunque, a cui tuttavia fa da “contraltare” la durata della batteria, il che rende l’apparecchio in oggetto utilizzabile solo per lavori di breve durata.

Ma come scegliere la “migliore” sega circolare a batteria? Quella più indicata per le proprie esigenze? In realtà, il fatto stesso che ci si orienti verso un dispositivo di tal tipo, già lascia intendere che – come or ora sottolineato – la destinazione d’uso del dispositivo stesso sia per ben determinate attività lavorative, ossia progetti “piccoli” e non particolarmente laboriosi. Quelli che richiedono tempi lunghi e parecchio impegno risulterebbero infatti difficilmente eseguibili servendosi dell’apparecchio in esame.

Detto questo, in sede di acquisto sono ovviamente da considerare specifiche caratteristiche, che saranno oggetto del paragrafo che segue.

In particolare: le caratteristiche tecniche

Come anticipato ad inizio trattazione, la scelta tra una sega circolare a rete elettrica o a batteria è strettamente legata all’utilizzo che dell’apparecchio si intende fare: diverse sono infatti le prestazioni dei due dispositivi, e, in particolare per quanto concerne la potenza, bisogna tenere presente che un motore più potente è in grado di lavorare con lame di maggiore diametro, che eseguono tagli di maggiore profondità.

Fatta questa premessa, sottolineiamo che la sega circolare a batteria è uno strumento di precisione, con una lama compresa tra 125 mm e 185 mm: un diametro minore risulta essere più indicato per tagli in profondità perpendicolari, mentre invece negli altri casi l’utilizzo è per tagli inclinati sino a 45°. Un taglio puntuale e profondo nella giusta misura rende necessario stabilire lo spessore, variabile a seconda della tipologia e della quantità di materiale adoperato.

Importante da evidenziare è anche il raggio di taglio, che incide in modo particolare sullo spessore, non superiore agli 85 mm. Così come è ovviamente importante, tra le caratteristiche dell’apparecchio in esame, il suo motore, dal momento che maggiore sarà la potenza, più performante sarà l’apparecchio stesso. Solitamente compreso tra 10,8 e 18 V è il voltaggio della batteria a corredo, ma le seghe circolari di maggiori dimensioni presentano una doppia batteria da 18 V, giungendo pertanto a 36 V. Non tutte le case produttrici prevedono le batterie ed il caricatore inclusi nella confezione, e, sul punto, si sottolinea la compatibilità in linea di massima delle batterie stesse, sebbene alcuni produttori preferiscano adoperare batterie proprie.

Progettato essenzialmente per il legno, il dispositivo oggetto di questa trattazione può lavorare anche con altri materiali, come i metalli o la plastica, semplicemente cambiando la lama: un modello fornito di lame TCT o SRG, dal taglio rapido ed affidabile, sarà ad esempio la scelta ottimale in presenza di metalli ed altri elementi dalle superfici resistenti.

Solitamente portatile e pratica nell’uso, la sega circolare a batteria si rivela ideale per gli interventi in cantiere, e la valigetta in dotazione, con cui è possibile spostarla agevolmente da un luogo all’altro, rappresenta senza dubbio un fattore che ne accresce la comodità nell’uso stesso.

Prezzi e marche specializzate

Utilizzabile praticamente dappertutto, grazie alla sua facile trasportabilità, la sega circolare a batteria è disponibile in commercio in diversi modelli, che si differenziano tra loro sia per caratteristiche che per costo. Un aspetto sicuramente positivo, questo, che consente a ciascun utente di veicolare la propria scelta verso il prodotto di cui effettivamente ha bisogno: uno di maggiore potenza, a titolo esemplificativo, ma anche uno dal buon rapporto qualità-prezzo. Le esigenze, infatti, possono essere varie, ma tutte “convergenti” – come sottolineato precedentemente – verso lavori piccoli e di breve durata.

Fatta questa premessa, il prezzo del dispositivo in esame è generalmente compreso tra 50 Euro circa e 100 Euro circa, ma determinati modelli possono avere un costo ben superiore. Bosch, Makita, Black & Decker, DeWalt, sono alcuni nomi a cui poter fare riferimento per un acquisto soddisfacente, perché brand che garantiscono qualità ed affidabilità dei prodotti. Importante, prima di procedere all’acquisto, è valutare con attenzione le caratteristiche di cui si necessita, per essere certi di “ritrovarle” nell’apparecchio al quale si è interessati.

Creativa e fantasiosa, ma anche riflessiva e determinata. Laureata in Giurisprudenza “atipica”, seguo e coltivo i miei sogni e le mie effettive ambizioni, emersi preponderatamente. Appassionata di scrittura e “curiosa” di ogni piccola grande novità tecnologica – così come  degli articoli di utilizzo quotidiano – fornisco agli utenti utili consigli in merito a prodotti che possono semplificare, migliorandola, la vita di tutti i giorni. Per un aiuto in quella che è la scelta più rispondente alle proprie esigenze.

Back to top
menu
Migliore Sega Circolare