Tutti gli accessori delle seghe circolari: guida completa per caratteristiche e utilità.

Se si ha la necessità di eseguire tagli precisi e veloci di materiali quali il legno, la plastica o il metallo, la sega circolare è assolutamente immancabile, e ciò sia che detta necessità nasca da esigenze di lavoro che da passione per il fai da te. In commercio è infatti possibile reperire modelli di più tipologie, differenti tra loro non solo per caratteristiche e prezzi, ma anche e soprattutto per destinazioni d’uso, così da semplificare la ricerca e far sì che ogni utente entri in possesso del dispositivo che effettivamente gli occorre. Un suggerimento – specie per chi è alle prime armi – può essere quello che vede come primo acquisto una sega circolare portatile, di dimensioni contenute e pratica da maneggiare per tagli piccoli e facili, che sarà poi “sostituita”, con il passare del tempo, da un apparecchio professionale, adatto per qualsivoglia tipo di taglio, di legno, metallo o altri materiali. Indipendentemente da quella che sarà la propria scelta, importante è prestare sempre attenzione a determinati fattori al momento della scelta stessa, perché questa possa essere la “migliore” per sé. In questa sede ci occupiamo degli accessori, che a dispetto di ciò che talora potrebbe pensarsi, hanno un ruolo di tutto rispetto.

Perché gli accessori sono importanti

È davvero utile in tutte le occasioni, e quando si decide di acquistarla – vuoi per lavoro, vuoi per hobby – sono diverse le caratteristiche da considerare, in primis le proprietà della lama, ossia la lega metallica ed il numero di denti che la caratterizzano. Si tratta infatti di fattori “determinanti” i materiali che la sega circolare potrà tagliare e la qualità del taglio, a seconda dei casi netto e preciso oppure sporco e grezzo. Anche la potenza dell’apparecchio e il numero di giri si rivelano parametri fondamentali, e tra loro strettamente legati, dal momento che un motore di una certa potenza permetterà che la lama conservi costante il numero di giri in quelle situazioni di lavoro che richiedono maggiore impegno.

Si tende invece talora a trascurare altre caratteristiche che al contrario meritano la giusta attenzione, perché agevolanti il lavoro che la sega circolare dovrà svolgere e capaci di fare del proprio apparecchio un prodotto sempre efficiente ed avanzato. Ci si riferisce agli accessori, integrati sul corpo macchina o a corredo del prodotto stesso, e la cui presenza, in misura maggiore o minore, andrà ovviamente ad incidere sul prezzo finale.  Alcuni degli accessori sono riscontrabili nel maggior numero di seghe circolari sul mercato, altri, al contrario, “appartengono” a quelle di fascia di prezzo elevato: li scopriamo, separatamente, nei prossimi due paragrafi.

I più frequenti

Ecco di seguito elencati gli accessori più comuni, quelli che sono reperibili in ogni sega circolare sul mercato, anche se di fascia di prezzo economica.

  • Scarpetta, cioè una slitta metallica che permette lo scorrimento della lama senza che si verifichino scossoni. Inserito davanti la lama talvolta è un indicatore, di ausilio nel seguire la traccia lungo cui tagliare;
  • Copertura della lama, per proteggere l’apparecchio quando non lo si adopera. Un primo carter, fisso, si trova nella parte superiore della lama;
  • Regolazione profondità di taglio, che consente, appunto, di decidere la profondità alla quale effettuare il taglio, tenendo conto dello spessore del materiale da lavorare e della lavorazione da eseguire;
  • Regolazione inclinazione del taglio, che prevede la regolazione dell’inclinazione del taglio – da 0° (perpendicolare) a 45°, ma anche 60°, nei modelli maggiormente all’avanguardia – tramite una scala graduata;
  • Coltello divisore, che guida la lama impedendo che la zona già tagliata possa essere causa di eventuali intralci;
  • Pattino guida, tramite cui è possibile eseguire tagli paralleli ad un bordo di riferimento;
  • Battuta parallela, che ha la funzione di una squadra per il disegno tecnico. Consente infatti di scegliere la misura del taglio effettuandolo in maniera lineare.

I meno comuni

Quelli meno comuni sono gli accessori della sega circolare di fascia medio-alta, che illustriamo qui di seguito.

  • Guida laser. Presente al posto di una guida analogica davanti alla lama in quegli apparecchi più avanzati, la guida laser si caratterizza per un puntatore indicante la linea del taglio. Si è in presenza di un accessorio necessitante di una buona capacità di utilizzo da parte dell’utente: chi ne è sprovvisto è preferibile che si orienti verso un binario guida, facoltativo, formato da un binario d’alluminio dal fondo antiscivolo da “fermare” al piano con appositi morsetti;
  • Binari, da fissare sulla superficie da tagliare per ottenere un taglio dritto, impossibile a realizzarsi quando si lavora a mano libera;
  • Soffiatrucioli, ossia una ventola anteriore destinata alla rimozione di polvere e trucioli dall’area che precede la lama, allo scopo di agevolare le operazioni di taglio.

A prescindere da quelli che sono, specificamente, gli accessori di una sega circolare, è importante mettere in evidenza che l’utilizzo di detto apparecchio dovrebbe avvenire nel maggiore comfort possibile, alla luce del fatto che l’utilizzo stesso alle volte dura vere e proprie ore. Ecco perché acquistano rilievo le impugnature ergonomiche e un rivestimentoantiscivolo – con una presa ottimale. Una valigetta rigida, inoltre, rappresenta un’utilità non da poco, qualora si fosse soggetti a frequenti spostamenti.

Conclusioni

Servirsi di una sega circolare garantirà tagli netti e precisi non realizzabili diversamente. E l’ampia offerta del mercato consentirà agli utenti di potersi indirizzare verso l’apparecchio più rispondente alle proprie necessità, in relazione all’uso che dell’apparecchio stesso si andrà a fare. Attenzione a non perdere di vista i fondamentali parametri a cui affidarsi nella scelta, così da non restare delusi dall’acquisto effettuato. Ed attenzione a non sottovalutare gli accessori in dotazione, che – come abbiamo poc’anzi visto – hanno un ruolo non secondario: ciascun utilizzatore, ovviamente, a seconda della sega circolare che andrà ad acquistare, ne “troverà” un numero maggiore o minore. Numero che – come è giusto che sia – farà anche la differenza in fatto di costi, un aspetto senza dubbio da considerare. Importante, in ogni caso, è che il dispositivo sia fornito originariamente almeno della copertura della lama, per garantire sicurezza anche quando il dispositivo stesso non stia funzionando. Utile quid plus, poi, sarebbe la presenza anche di un’altra lama, oltre a quella già “inserita” sull’apparecchio, in modo tale da poter eseguire altre tipologie di taglio.

Creativa e fantasiosa, ma anche riflessiva e determinata. Laureata in Giurisprudenza “atipica”, seguo e coltivo i miei sogni e le mie effettive ambizioni, emersi preponderatamente. Appassionata di scrittura e “curiosa” di ogni piccola grande novità tecnologica – così come  degli articoli di utilizzo quotidiano – fornisco agli utenti utili consigli in merito a prodotti che possono semplificare, migliorandola, la vita di tutti i giorni. Per un aiuto in quella che è la scelta più rispondente alle proprie esigenze.

Back to top
menu
Migliore Sega Circolare